I miti: l’automobilista inesistente


Il mito dell’Automobilista Inesistente è ubiquitario e molto antico. C’è chi sostiene risalga addirittura ai Sumeri, nella cui mitologia vi sono accenni alla figura di un auriga fantomatico con il quale bisognava confrontarsi ogni volta che si andava in biga. Nel papiro di Amenofi III si legge: “conduceva dunque un cocchio perfetto”, ma altri traducono: “aveva l’incarico di prefetto”, oppure: “non ci ho capito un cacchio”. Plauto e Terenzio (sempre in coppia) sorridono dei Cimmeri che adorano un idolo raffigurante un cavaliere che sporge lateralmente un braccio e con l’altro tira le briglie nella stessa direzione. In Cina, durante la dinastia Sidong, si officiavano riti al “cavaliere di giada”; durante questi riti, l’Imperatore in persona doveva eseguire a cavallo un percorso molto regolamentato, segnalando ogni suo movimento prima di compierlo. Anche nel nuovo mondo si hanno segni interessanti della presenza del mito: A Huacatalpa è stata rinvenuta una mummia risalente al periodo Huaca, o forse al Talpa, vestita coi finimenti di una cavalcatura camelide sotto un cartiglio che pare dire: “egli va meglio del guanaco” mentre Telzcalcoatl indica una direzione a mo’ di vigile urbano. Gli Inuik hanno un proverbio che ammonisce: “come l’orso sii pertinace, come il narvalo ciccione, come Amabat conduci la slitta”.
In Italia, il mito non è presente.
—————-
Siete per caso voi l’Automobilista Inesistente? Rispondete al

.

QUIZ

E’ prevista nebbia. Ai primi accenni di foschia, voi:

1 – accendete immediatamente i fari di retronebbia e così li lasciate per i sei mesi della stagione critica, anche quando siete in coda o procedete incolonnati
2 – accendete immediatamente i fari di antinebbia e retronebbia, gli abbaglianti, le quattro frecce, sparate razzi illuminanti e suonate il clacson
3 – spegnete tutte le luci e vi date alla macchia
4 – accendete i fari di retronebbia solo quando siete in mezzo alla nebbia e lontani da altre auto, li spegnete coscienziosamente durante le code e gli incolonnamenti a progressione moderata, perché sarebbe da imbecilli non rendersi conto che in quei casi non servono ed inoltre danno molto fastidio a chi vi segue

Il lampeggiare simultaneo delle quattro frecce indica:

1 – che avete abbandonato il mezzo dove cacchio vi pare andando dove ostia volete per tutto il tempo che vi gira
2 – che avete abbandonato il mezzo dove cacchio vi pare andando dove ostia volete per tutto il tempo che vi gira, e voglio vedere se qualcuno dice qualcosa
3 – non sapevo esistessero le quattro frecce
4 – che state sostando temporaneamente in posizione irregolare per una necessità irrinunciabile, oppure che state segnalando una potenzialmente pericolosa variazione della marcia.

In marcia in autostrada vi apprestate ad un sorpasso. Voi:

1 – vi spostate e basta
2 – vi spostate e basta qualunque siano le condizioni del traffico attorno a voi
3 –  chi, io?
4 – controllate la distanza dalle auto che vi seguono, accendete il segnalatore di direzione con qualche secondo di anticipo ed eseguite il sorpasso tornando poi immediatamente nella corsia di marcia normale dopo aver segnalato anche questo spostamento. Occupate al ritorno la corsia libera più a destra.

 – Alla rotonda della figura, dovete procedere dal punto A al punto B. Voi scegliete il percorso:
 
1 – rosso
2 – nero
3 – giallo
4 – blu
– In marcia lungo una autostrada a quattro corsie sgombra di traffico come in figura, voi occupate la posizione:
 
– 1
– 2
– 3
– 4
– Vi approssimate ad uno stop o ad un semaforo. Voi fermate il veicolo:
1 – rigorosamente oltre la linea di arresto
2 – non fermo affatto il veicolo: continuo ad avanzare un po’ per volta sgasando e c’ho pure il SUV, io
3 – moolto prima della linea di arresto; poi avanzo un po’ e mi rifermo, e continuo così finché non mi si spegne il motore
4 – appena prima della linea di arresto

– In viaggio su percorso misto, decidete di chiedere informazioni fermando un pedone; voi:

1 – vi arrestate semplicemente in corsia e prendete le informazioni necessarie parlando dal finestrino della vettura, incuranti della coda dietro di voi
2 – fermate il mezzo in mezzo alla strada (altrimenti perché si chiamerebbe “mezzo” – siete soliti dire), scendete dall’auto, vi accendete una sigaretta e parlate col pedone anche tutto il pomeriggio, incuranti dei chilometri di coda dietro alla vostra vettura
3 – accorgendovi che il pedone potrebbe svoltare l’angolo e sparire alla vista, lo urtate leggermente con l’auto per fermarlo
4 – vi fermate accostando l’auto a bordo via solo se la sosta non è di intralcio, altrimenti rimandate al raggiungimento di una zona più consona

– Vi accorgete di aver appena saltato l’uscita dell’autostrada; in questo caso:

1 – iniziate una cauta marcia indietro sulla corsia d’emergenza, fino all’imbocco dell’uscita
2 – compite una deliberata e decisa marcia indietro a cavallo tra corsia d’emergenza e prima corsia di marcia, bestemmiando e picchiando moglie e bambini
3 – cercate di passare per i campi
4 – imprecando sommessamente sulla vostra sbadataggine, raggiungete l’uscita successiva e tornate indietro sulla carreggiata opposta

– Nella figura è rappresentata una autostrada a quattro corsie. Nella corsia di sorpasso le vetture sono quasi ferme, in quella di marcia veloce procedono a bassissima andatura. Questa disposizione del traffico si può definire:

 
 
1 – normale
2 – normale, non fosse per gli stronzi che mi stanno davanti
3 – normalissima, tanto ho bucato
4 – una buona dimostrazione grafica dell’inesistenza di Dio
 Nota:.

la seconda corsia, leggendariamente detta “corsia di marcia normale” è ritenuta ancor meno esistente dell’automobilista del titolo e numerose ricerche della stessa non hanno portato ad alcun pervenimento di indizi sulla realtà della sua presenza; trattasi probabilmente di miraggio.

– Le aree di sosta sono:

1 –  luoghi destinati a consentire a tutti di poter orinare in pubblico
2 –  io ci caco anche
3 –  luoghi destinati all’orinamento di gruppo in allegria
4 –  spazi nei quali poter effettuare soste di riposo o per problemi tecnici del mezzo. I servizi igienici sono invece presso le stazioni di rifornimento

– In viaggio sull’autostrada, leggete questo cartello informativo; subito pensate:

 

 
1 –  orpo, ecco cosa dovevo fare oggi
2 –  ma certo che li proteggo, per chi mi prendete: io strangolo solo quelli degli altri
3 –  io non ho figli: posso proteggere mio cugino?
4 –  ma pensa te

– Sulla corsia di accelerazione per l’inserimento in autostrada, scegliete il percorso:

 

1 – rosso
2 – nero
3 – giallo
4 – blu
 Nota:

le auto presenti sulla “corsia di marcia normale” sono da ritenersi opera di fantasia del grafico

– I segnalatori di direzione sono:

1 – una rottura di coglioni
2 – e chissenefrega
3 – me lo sono sempre chiesto
4 – dei segnalatori di direzione

Risultati:

 
Avete risposto sempre 1: congratulazioni, siete uno dei tutti; è importante saper vivere in modo conforme agli usi della società e Voi non avete alcun motivo di scontro con le costumanze. Con le costumanze, certo; con le auto è un altro discorso.
Avete risposto sempre 2: congratulazioni, siete certo un camorrista; la criminalità organizzata è una delle più importanti voci del PIL della nazione, dunque siete un produttore di ricchezza. Siete ascoltati e protetti dalle istituzioni, siete potenti ed influenti, e verrete sepolti in una cattedrale. Speriamo presto.
Avete risposto sempre 3: congratulazioni, siete giovani; i giovani di questo tempo non hanno il tempo di capire i tempi e praticamente nient’altro. Comunque, non preoccupatevi se vi sembra di non aver capito qualcosa: noi abbiamo capito tutto e ce l’han messo nel culo lo stesso.
Avete risposto sempre 4: allora l’Automobilista Inesistente non è solo un mito!

.

4 pensieri su “I miti: l’automobilista inesistente

Parliamone

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...