‘O conzuntìve – atto terzo


atto terzo

L’incubo: – Presidente, aìzzete.
– ‘O Presidènde: – e ‘nu poche ‘e rispiètte! Tengo una certa età, nunn’è che pozze fa’ ìccòse di fretta…
– L’: – Sì, ma quanto ti ci vuole ancora?
– ‘O: – mo’ nun te lo sàcce dicere; quanno me ne viene l’ispirazziòne…
– L’: – meh, lo vedi però in che Stato siamo…
– ‘O: –  ‘o Stato? ‘na bellìzza! Àggie salvato ‘o Paese, ci sta ‘nu Govierne sctàbbile, Samanta Cristoforetti va ‘ncòpp’a Luna e m’hanno pure dìtte che ci sarà ‘a riprésa…
– L’: – sèh, campa cavillo; abbiamo ‘nu Govierne formato dal secondo e il terzo partito per numero di voti alle elezioni; il primo, non ce l’hai fatto entrare ricattando mari e monti. In compenso hai voluto che si accordassero segretamente, all’oscuro dell’esame dei cittadini, il bugiardello di Firenze e un condannato alla galera per truffa allo Stato, compiuta mentre dello Stato lui era a capo. Gran bel lavoro, complimenti, Preside’.
– ‘O: – non cominciamo con l’antipolìtica.
– L’: – a proposito di antipolitica: mamo’ chi lo decide il tuo successore?
– ‘O: – ossanta marònn’, quanto sei ignorante: il mio successore ‘o decide ‘o Parlamento, chi vuoi che ‘o decìde?
– L’: – appunto, dicevo.
– ‘O: – quanto si’ guagliòne: “il reciproco riconoscimento, rispetto e ascolto tra gli opposti schieramenti, il confrontarsi con dignità nelle assemblee elettive, l’individuare i temi di necessaria convergenza nell’interesse generale non contrastano con la democrazia dell’alternanza, ma ne definiscono il più maturo e costruttivo modo di essere in sintonia con l’imperativo dell’unità nazionale”.
– L’: – eh?
– ‘O: – àggio rìtte: “il reciproco riconoscimento, rispetto e ascolto tra gli opposti schieramenti, il confrontarsi con dignità nelle assemblee elettive, l’individuare i temi di necessaria convergenza nell’interesse generale non contrastano con la democrazia dell’alternanza, ma ne definiscono il più maturo e costruttivo modo di essere in sintonia con l’imperativo dell’unità nazionale”. Chiaro, no?
– L’: – Preside’, parlando latino: non s’è capito ‘nu cazzo.
– ‘O: – chi doveva capire, ha capito.
– L’: – allora Berlusconi, secondo me, ha capito.
– ‘O: – chillo è un guaglionciello ‘nu poco vivace, ma è sveglio; d’altronde, alla sua età, eh!…
– L’: – sì, quella è una età in cui facilmente si viene condannati per truffa, che ci vogliamo fare.
– ‘O: – e pure quell’altre, ‘o giovanotto; ‘mpapòcchia tutt’iccòse, ma è un decisioniscta, cumme me piace ammé! Certo, nessuno eguaglia ‘o Migliore…
– L’: – …non ci credo, Preside’!…
– ‘O: – accheccòse?
– L’: – che parli bene di Togliatti!
– ‘O: – ma quala Togliàtti, chille era comunista, ce ne scampiddìo!
L’: –  be’ eri comunista pure tu… allora volevi dire Berlinguer, la questione morale…
– ‘O: –  guaglio’, ma vulimme pazzia’? Io parlavo di Cràcchese…
– L’: – chi?
– ‘O: – ma Cràcchese! Chillo gruosse…
– L’: – ah, Craxi! Quello che dopo aver negato con sprezzo I furti di tutto il suo sistema se n’è scappato all’estero come un brigante qualunque per non farsi processare!
– ‘O: – proprio chillo. Quanto mi piaceva… eh, uno accussì non torna ppiù.
– L’: – mah. A me non pare davvero che si sia perso lo stampo di quella gente lì.
– ‘O: – eeh, vulisse ‘a Marònn’!… ma accussì bravo è impossìbbile. Pènza che col dodicie pe’ cciènte dei voti cummannava a tutti lui! Altro che i Grille! Lui era ‘o Migliore, e io ‘o migliorista!
– L’: – e bravo Preside’. Adesso aìzzete, che mi stai proprio sul piloro…
– ‘O: – pazzienza, nun pazzia’. Prima devo sconfiggere “l’insidia dell’indifferenza”.
– L’: – ma va? Come quella verso Nino Di Matteo?
– ‘O: – …eee… bella giornata, eh?
– L’: – come no, proprio un bell’inizio d’anno.
– ‘O: – …eddùngue dicevo… per fortuna “ci dà forza la parola, il magistero del Pontefice”, che c’entra ‘nu cazzo però c‘o mettimmo perché fa scena, e poi possiamo dire: basta solo che ciascuno “faccia la sua parte al meglio”.
– L’: – ma guarda, avrei detto il contrario; quanto sei saggio, Preside’. Certo, se anche la Mafia fa la sua parte al meglio, Di Matteo sta a posto.
– ‘O: – oh, mi s’è rotta un’unghia!
– L’: – aìzzete, Preside’, fampress’, che non te reggo proprio cchiù.
————-
Altri atti:
Primo atto:
Secondo atto:
Ultimo atto:

Parliamone

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...