Pensieri di provincia


 

Meno male che l’Italia è in ripresa, l’ha detto Letta.
Invece da noi piove. Non dico tanto da fare il mare, ma delle belle pozzanghere ci sono anche qua. Infatti la mia donna s’è arrabbiata perché gli ho infangato casa (questa era la notizia del giorno), mi s’è bagnato il cane e l’ho asciugato. Poi gli ho dato da mangiare. Ha mangiato, e adesso dorme. Ecco qua.
Sì, non succedono molte cose memorabili dalle mie parti e allora ci contentiamo di poco, senza piroscafi, senza la spiaggia; la sabbia sì, quella ce l’ho perché mi serve per fare il calcestruzzo, che quando lo vedi impastare sembra vomito, però poi ci vai dentro ad abitare e questo ti fa pensare sul senso della vita.
Pure alle banche piace il calcestruzzo; metti che vai a chiedere un mutuo o un finanziamento: subito la banca ti fa: “lei ha del vomito, voglio dire del calcestruzzo?” se ce l’hai, bene, ti danno il tuo finanziamento e si tengono in pegno il tuo calcestruzzo finché non gli rivomiti tutti i soldi che ti hanno dato, con un bell’interesse (sennò come farebbero ad avere le sedi nel centro storico, ti pare) e se non ce l’hai, puoi pure vomitargli l’anima lì, ma un euro non te lo danno manco a crepare.
In compenso il nostro bel Governo mi pare li abbia esentati dal pagamento IMU; ‘sta notizia mi rende perplesso: intanto, ‘cazzo è IMU, cosa vuol dire, e poi sarà forse che la banca non la paga perché mica gestisce soldi suoi, ma di altri, e allora a pagare le tasse mie coi soldi tuoi sarebbero buoni tutti?
E in fondo è meglio così, almeno qualcuno che sta bene c’è anche da noi. Le banche stanno bene, anche perché non scuciono più una lira né di IMU né di i mutui. Ma è giusto: può mica dare in giro i soldi che non sono suoi, no? Metti che io ti dico: “tienimi qui ‘sti dieci euro”; poi arrivo e ti dico: “i miei dieci euro?…” e tu: “li ho dati a Stefano”. Ma sei scemo? 
Le banche, son mica sceme.
Infatti per il mio finanziamento che la banca mi ha dato tempo fa, non ho mai saputo chi ringraziare. Chissà di chi erano quei soldi. L’ho chiesto, alla banca, ma fanno finta di non capire; eppure io volevo almeno mandare un panettone con un biglietto alla famiglia-tipo, la famiglia Brambilla che me li ha dati; a me servivano, e di sicuro, prima di darmeli, la banca gli avrà chiesto il permesso, no? Sarà successo così:

– La banca: – buongiorno signor Brambilla, senta un po’: qua c’è uno che ha bisogno di soldi. Siete disposti a fargli un finanziamento a cinque anni?
– Brambilla: – mmm… ma è una persona fidata?
– La banca: – mah, noi la mano sul fuoco non la mettiamo per nessuno, figurarsi, però lavora questo qua, sembra un buon cristo, ha pure adottato un cane randagio.
– Brambilla: – ah, be’… aspetti che ne parlo con mia moglie… (pausa, bisbiglii) …sì guardi, signora banca, mia moglie aveva un cane dieci anni fa che era una cosa… gli mancava solo la scrittura perché poverino era disgrafico, ma era così intelligente, sapesse, parlava persino; una volta le ha detto…
– La banca: – ehm, sì certo signor Brambilla, mi scusi ma poi un giorno la vengo a trovare e mi racconta bene questa storia: ora dovrei completare la pratica e se potesse darmi la risposta gliene sarei proprio grato, eh?
– Brambilla: – oh certo, scusi sa, noi stiamo sempre in casa e allora quando si possono fare due parole… vabè, dai, la cosa del cane ci ha commosso, poverino, lo facciamo per lui, così il suo cliente gli può comprare la pappa… lo sa che una volta…
– La banca: – grazie mille signor Brambilla saluti alla signora! (clic)

Ecco. Mi sono commosso anch’io. Chissà dove abitano quei bravi vecchietti; ma anche da voi le banche non dicono niente su chi è che gli dà i soldi per le imprese? Fanno male, secondo me: sai come fa bene un semplice “grazie” alla gente semplice, quella che mette i soldi in banca insomma?

Si potrebbe fare una raccolta firme, per questo. E’ bella, la raccolta firme: è come la raccolta – che so – dei tappi di bottiglia; serve a un cazzo, ma intanto la fai, così, tanto che ti costa. Vale quanto una preghiera, e perciò qualcosa vale. Per chi vuole fare il Papa, ad esempio, vale sì.
E per noialtri, vabè, basta il sole.

 

Parliamone

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...