E costa solo un Euro e trenta


 

Patromammonimici 

Dunque c’è un’altra ragione per essere bacchettati dall’Europa: nella nostra carta d’identità noi non teniamo conto del nome della mamma; ‘st’Europa, veh, cosa ti va a trovare pur di rimproverarci un po’.
Perché l’Europa, lei sì, considera paritari i diritti e dunque, lì in Europa, se Hans Müller sposa Louise Dupont, il loro figlio si chiamerà Kurt (mettiamo) Müller-Dupont, perché il nome della mamma deve essere citato al pari di quello del padre. 
Così, un bel giorno, il giovane Kurt incontrerà la bella Angela Rossi-Smith, anche lei incoronata di entrambi i nomi dei genitori, ed insieme avranno un ottimo bambino che chiameranno Efrem (per esempio) Müller-Dupont-Rossi-Smith. Questi, una volta abbastanza maturo, conoscerà la dolce Martine Lyson-Willer-Von Wederer-Kaulakis ed essi convoleranno a nozze, allietate l’anno successivo dalla nascita di una bellissima bambina che i genitori felici vorranno chiamare, in modo beneaugurante, Fortune Müller-Dupont-Rossi-Smith-Lyson-Willer-Von Wederer-Kaulakis. Manco a dirlo, proprio in quei giorni in un villaggio dell’Assia emetterà il primo dei suoi molti sospiri il piccolo e multicolore Rinald Schwiren-Bolt-Lobster-Sahad-Popov-Ramayullah-Barijuk-Caputo, che un giorno impalmerà Fortune Müller-Dupont-Rossi-Smith-Lyson-Willer-Von Wederer-Kaulakis .
Ma, per fortuna di chi non è ancora nato, quel giorno è lontano tanto che si potrebbe pure ripensarci.

(in realtà la Corte Europea vuole rendere possibile assegnare al nuovo nato il solo nome della madre, ma a me piaceva farlo strano, così)

Far girare i soldi

Gli insegnanti hanno percepito scatti di stipendio indebitamente. Come “indebitamente”? Hanno truffato il Ministero dell’Istruzione? Se li sono fregati nottetempo? Hanno retrodatato con la biro il proprio diploma di laurea? Si son finti vecchi? – no: quegli aumenti glieli aveva destinati il Governo, questo qua. Però poi l’altra mattina, facendosi la barba, si è detto, il Governo: “ma che cacchio, dei soldi a quelli là? Ma chi ha fatto ‘sta scemenza? Ora ci ripenso io” – e ci ha ripensato.
Così adesso che sono invecchiati davvero, gli insegnanti quei soldi li devono restituire. 150 Euri al mese, lemme lemme. Certo, c’è sempre il caso che il Governo, mentre è dal barbiere, improvvisamente dica: “ma che cacchio, restituiscono i soldi che gli abbiamo dato prima? Ma perché, chi ha pensato ‘sta scemenza? Ora ci riripenso io”.
E passa qua, e passa là ‘sti soldi, a un certo punto arriva uno in motorino e…

Problemi dell’infanta

In Ispagna c’è una povera bimba nei guai con la iustìzia; si chiama Infanta e l’accusano di essersi profittata della carta di credito del papà, un tizio che – poveretto – fa il re dalla mattina alla sera, da anni. L’Infanta si era comperata delle cosine, pensando che i soldini lì fossero i suoi, ma poverina: infantile com’è, non si era resa conto che il credito di papà si basava sulle forme, più che sulle sostanze. E ora son tutti arrabbiati con lei e col papà, e parlano pure di scoronarli e magari di fargli fare anche una bella corsa a Pamplona.
Che dire: ragioni piccine a parte, meglio tardi che mai.

I nemici della Brianza

I brianzoli sono arrabbiatissimi. 
Coi leghisti che li hanno governati per anni, parlando di onestà del Nord, insieme a colui che loro stessi chiamavano “il mafioso di Arcore”? Con berlusconi, che c’ha l’accento locale ma è così pappa e ciccia coi siciliani, quelli, da ricordare forzatamente – ad un leghista – la scenetta di Aldo Giovanni Giacomo e la prova della cadrega? Con chi seguita metronomicamente a smerdare il Lambro? Con chi se ne fotte del “più grande parco cittadino d’Europa” e ci ha messo dentro addirittura una pista di macchinine (per il popolaccio) ed un campo da golf immenso (per il popoletto)? – nonnò, col regista Virzì.
Chi? 
Il regista Virzì, Paolo Virzì, il regista cinematografico. 
Che ha fatto, questo regista?
Ha fatto un film che voleva ambientare nel Connecticut, ma poi si è detto: perché andare fino nel Connecticutquando c’è tante schifezze pure qua? – e lo ha ambientato in Brianza. E la Brianza si è offesa, gli ha detto: “hai preso soldi dal Ministero, per fare il film; se ci offendi, restituiscili perché sono anche nostri!” – E qui si capisce che Virzì ha ragione a prescindere. Perché la Brianza ragiona a culo, e chi ragiona a culo ha sempre, sempre torto. 
Infatti, quando uno paga le tasse (trattandosi di Brianza, forse è più giusto dire “se”) non ha più la proprietà di quel denaro; non sono più soldi “suoi”, anzi: non lo sono mai stati. Sono i soldi delle tasse. Ed i finanziamenti non sono decisi da chi quel contributo è obbligato a darlo, bensì da quei rappresentanti politici che proprio la Brianza ha scelto da decenni. Io invece, che non li ho mai scelti, nel mio piccolo mi potrei incazzare, però non lo faccio perché sarò anche brianzolo, ma capisco che quando non è prevista una regola di censura preventiva (ti do i soldi solo se non offendi la Brianza), non ci si può incazzare a posteriori (mi hai fatto gol e allora porto via il pallone) e perché altro è un’offesa ed altro è un parere. A Virzì la Brianza ricorda il Connecticut? Bene: sarà problema del Connecticut, che c’entro io, che sono una persona per bene.
No?

No ai buffoni

Il comico francese Dieudonné è un uomo di pelle scura che ce l’ha con gli ebrei ed i suoi spettacoli sono accusati di negazionismo. Ora, in Francia, Hollande vuole fermare gli spettacoli di questo Dieudonné, con la ragione che “turbano l’ordine pubblico”. Esagerato. Si sapeva che il negazionismo è roba da buffoni.

La roulette, russa

L’IMU, c’era l’IMU, poi la STASI, la ZINZA, la BUBBA, la SGRUNZA; ora è tornata l’IMU. Però piccola. La miniIMU, e si paga. 
Si paga? 
Si paga. 
Sicuri? 
Sì. 
Davvero, stavolta? 
Sissì. 
E paghiamola, che ce la leviamo di torno.

Una volta c’era la passione

E ora, la notizia che conta poco: rènzi e berlusconi si incontreranno. Ma il segretariuccio del piddì ha preventivamente berciato a tutta pagina: “niente diktat! Il Governo va avanti fino al 2015!”
Hai visto com’è cambiato, il ragazzo, da quando, per incontrare berlusconi, lo faceva di nascosto, quatto quatto.

 

 

Parliamone

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...